All posts by Redazione

PIR meet crowdfunding

The PIR, individual savings plans, represent a specific form 
of investment that is the recipient of a tax relief consisting
of the total tax exemption of the income generated. Below is a
brief summary of the tax incentive regulations intended for 
them, before discussing an important clarification recently 
provided by the Revenue Agency.

The tax relief

The tax advantage in question consists more in detail:
1. in total de-taxation of income deriving from financial instruments and from the liquidity
   that make up the RIP (exemption from income tax);
2. total tax relief in the event of transfer of the plan's financial instruments in the event 
   of the death of the plan holder (ie exemption from inheritance tax).

The investor

The tax relief is intended for individuals who hold the investment outside the business activity 
and who maintain the investment for a minimum period of five years. With reference to the holder 
of the investment, the other characteristics provided by the law are:

    1. the holder of the investment is fiscally resident in Italy;
    2. the holder of the investment does not simultaneously hold more than one investment plan;
    3. the holder of the investment does not share it with other people.

The facilitation also falls to the holder of the investment if he is a minor.

The dimensional limits of the investment

Furthermore, the law provides for specific size limits on the investment, in the sense that 
the amount of resources allocated to the same cannot exceed, per year, 30 thousand euros and,
over the 5 years, 150 thousand euros. In this regard, if the individual investor in a year has 
allocated less than 30 thousand euros to the investment in PIR, the difference can be recovered
(rectius can be invested) in subsequent years, maintaining, however, the five-year limit of 150
thousand euros.

The characteristics of the investment

To establish a PIR and benefit from the relative tax relief, it is necessary to open a specific
custody or administration or portfolio management relationship or another stable relationship
(with the option for the administered savings regime) or a life insurance contract or 
capitalization, through authorized intermediaries or resident insurance companies, or through 
non-resident intermediaries that operate in Italy through a permanent establishment, or under 
the freedom to provide services with the appointment of a tax representative (appointed between
 authorized intermediaries or insurance companies) residents.

In order to benefit from the facilitation, the characteristics of the RIP are as follows:

1. the financial instruments issued by the same issuer and the liquidity that comprise it must
   not exceed 10% of the total invested;

2. 70% of the investment is destined to financial instruments issued by companies resident in
   the Italian territory, or by companies resident in the European Union or EEA (European 
   Economic Area) with a stable organization in Italy, this requirement must exist at the 
   moment of signing the plan;

3. 30% of this 70% must be destined to financial instruments not included in the FTSEMIB or in
   similar indexes of other countries;

4. the financial instruments that comprise it must be held for a minimum period of 5 years and,
   in this regard, the date of timely purchase of the individual financial instrument is 
   relevant,

5. financial instruments may not have been issued by or entered into with companies resident in
   countries other than those considered to be white lists (collaborating with the Italian tax
   authorities),

6. participations included in the RIP are considered unqualified.

The srl’s shares

On April 5th, the Italian Revenue Agency ruled on the shares of Srl offered to the public
through equity crowdfunding portals. In particular, in this regard it was stated that, for the
purposes of the subsidy, the shares of Srl may be included in the broader notion of a financial
instrument, according to the contents of section C attachment I of the TUF.

So, also the shares of Srl offered to the public through crowdfunding portals, can be part of
the Pir and thus enjoy the related tax benefits.

Daniele Di Teodoro
Chartered accountant
Chartered auditor

 

Transfer prices – year-end assessments

Approaching the end of the year in international corporate groups raises the problem of evaluating transfer pricing.

Verification on transfer prices

Regardless of the method chosen for the determination of transfer prices, in fact, at the end of the year it is necessary to check whether the price applied to the transaction is infra-group, whether it is free to compete or not.

If, in fact, after due verification, the price applied is inconsistent with respect to the concept of free competition, adjustments will be necessary, through variation notes.

The VAT of the variation notes

In this regard, it is also worth highlighting the impact on VAT that such adjustments may have. In fact, the variation notes are relevant for VAT purposes when the following three conditions are verified: 1) the transaction to which the adjustment (the variation note) refers is clearly identifiable, 2) there is a consideration ( in kind or in cash), 3) there is a direct link between one and the other; that is to say that if the variation note is not referable (as often happens to us in the operations that we follow) to any transaction, the same is out of VAT.

On this point see the response of the Revenue Agency of 2 November 2018 and the working paper of the EU n. 923 of 28 February 2017.

The inherence of the chargeback for cost deductibility

A second theme that arises, at the end of the year, is the verification of the inference of intragroup charges that are made. In particular, the problem arises for the companies of the group residing in Italy that they are re-debited the costs and can deduct them only if the said costs respect the requirement of the inertia.

In more detail, the checks that must be carried out are two: in fact, first of all, regardless of the existence of a contract that provides for the recharging, the year-end check must firstly report the actual provision of intragroup services, through the production of all supporting documentation useful for this purpose.

Secondly, it will be necessary to demonstrate the necessity or otherwise the usefulness or functionality of these services to the activity of the resident company. In short, as mentioned, the inherent nature of the infragroup services provided must be demonstrated, ie their functionality to the activity of the company that benefited from it. In the absence of proof of these two elements (effective disbursement and functionality of the beneficiary company), the Italian company will not be able to deduct the intra-group costs.

At work therefore.
Daniele Di Teodoro
Chartered accountant
Statutory auditor

 

De-merging without abuse

[:en]

If the legal system allows operators to choose between different operational solutions, each with different tax effects (and loads), the choice of the less expensive option, from a fiscal point of view can not be considered elusive. This is an orientation, of the jurisprudence that is consolidating, above all to contrast an investigation activity, on the abuse of the right, sometimes a little too loose by the Financial Administration, such as to cause a dangerous uncertainty in the application of rules to the detriment, in particular, of the (healthy and sacrosanct) entrepreneurial activity.

The avoidance, (or abuse of the law, if we want to follow the evolution of terminology and not only of the legislator), according to the definition that article 10 of the taxpayer's statute of rights (Law 212 of 2000), consists of a behavior that, while respecting the formal application of the laws in force, is aimed at obtaining undue tax benefits, ie tax savings contrary to the principles of the current tax system. Well, according to the Revenue Agency (Resolution 97 of July of this year), if it is the same order to offer economic operators, two or more alternatives, with different consequences, in terms of tax burden, the choice of the option less burdensome does not give rise to an elusive behavior and, therefore, must be considered entirely legitimate and, therefore, not contestable, by the Financial Administration.

Pursuant to Article 10 of Law 212/2000 (Statute of Taxpayers' Dictitives) there has been an abuse of the law when one or more transactions are carried out without any economic substance which, although in compliance with the law in force, allow the tax payer an undue tax advantage, that is contrary to the principles of the tax system

This seems a peaceful conclusion but the Revenue Agency has not always been of this opinion.

The case treated with the aforementioned resolution concerned an operating company (which manages an outpatient clinic) for which the members had decided to proceed with a proportional division, following which the split company maintained the company and to it, therefore the operating activities continued to be held, while the beneficiary was assigned the buildings previously owned by the demerged company. Among other things, the partners of the beneficiary were the same members of the demerged and their shareholdings in the latter reproduced those in the split.

Subsequently, the shares in the split are sold to a subject, not interested in acquiring the ownership of the properties. The latter are then leased to the assignee for carrying out the business activity.

Once the transaction is in place, finally, the shareholders of the beneficiary, before the sale of the investments, proceed with the operation of restatement of the tax value of the same.

Well, questioned, through a question, on the lawfulness of the operation, the Revenue Agency, with the aforementioned resolution pointed out that a company can circulate with the direct sale of the same, or with an indirect transfer, precisely transferring the ownership of the investments in the company that manages the company itself. As the Revenue Agency notes, the Italian tax law provides, as legal, both these modes of circulation of the company (although one of the two, the direct one is the most expensive in tax terms), must be left to the taxpayer the choice between the two options. The transaction was therefore considered lawful in terms of abuse of the law.

Daniele Di Teodoro
Chartered accountant
Chartered auditor

 [:it]

Qualora l'ordinamento giuridico consenta, agli operatori, di scegliere fra diverse soluzioni operative, ciascuna con effetti (e carichi) fiscali diversi, la scelta dell'opzione meno onerosa, dal punto di vista fiscale non può essere considerata come elusiva. Questo è un orientamento, della giurisprudenza che va consolidandosi, soprattutto per contrastare un'attività di accertamento, sull'abuso del diritto, a volte un po' troppo disinvolta da parte dell'Amministrazione finanziaria, tale da causare una pericolosa incertezza nell'applicazione delle norme a danno, in particolare, della (sana e sacrosanta) attività imprenditoriale.

L'elusione, (o abuso del diritto, se vogliamo seguire l'evoluzione terminologica e non solo, del legislatore), secondo la definizione che ne da l'articolo 10 dello statuto dei diritti del contribuente (Legge 212 del 2000), consiste in un comportamento che, pur nel rispetto formale dell'applicazione delle norme di legge vigenti, è volto ad ottenere indebiti benefici fiscali, ossia dei risparmi d'imposta contrari ai principi dell'attuale ordinamento tributario. Ebbene, secondo l'Agenzia delle entrate (Risoluzione 97 del luglio di quest'anno), se è lo stesso ordinamento ad offrire agli operatori economici, due o più alternative, con conseguenze diverse, in termini di carico tributario, la scelta dell'opzione meno onerosa non da luogo ad un comportamento elusivo e, pertanto, deve essere considerata del tutto legittima e, dunque, non contestabile, da parte dell'Amministrazione finanziaria.

A norma dell'articolo 10 della Legge 212/2000 (Statuto del dititti del contribuente) si ha abuso del diritto quando vengono poste in essere una o più operazioni prive di qualsiasi sostanza economica che, pur nel rispetto formale della normativa vigente, consentono al contribuente un vantaggio fiscale indebito, ossia contrario ai principi dell'ordinamento fiscale

Questa sembra una conclusione pacifica ma non sempre l'Agenzia delle entrate è stata di questo parere.

Il caso trattato con la risoluzione sopra indicata, riguardava una società operativa (che gestisce un poliambulatorio) per la quale i soci avevano deciso di procedere con una scissione proporzionale, in seguito alla quale, la società scissa manteneva l'azienda e ad essa, dunque, continuavano a fare capo le attività operative, mentre alla beneficiaria venivano attribuiti gli immobili, precedentemente posseduti dalla scissa. Tra l'altro, i soci della beneficiaria erano gli stesi soci della scissa e le loro quote di partecipazioni in quest'ultima riproducevano quelle nella scissa.

Successivamente, le quote nella scissa vengono cedute ad un soggetto, non interessato ad acquisire anche la proprietà degli immobili. Questi ultimi sono poi concessi in locazione al cessionario per lo svolgimento dell'attività d'impresa.

Una volta posta in essere l'operazione, infine, i soci della beneficiaria, prima della cessione delle partecipazioni, procedono con l'operazione di rideterminazione del valore fiscale delle stesse.

Ebbene, interrogata, attraverso un interpello, sulla liceità dell'operazione, l'Agenzia delle entrate, con la risoluzione prima citata ha fatto notare che un'azienda può circolare con la cessione diretta della stessa, oppure con una cessione indiretta, appunto trasferendo la titolarità delle partecipazioni nella società che gestisce l'azienda medesima. Poichè, nota l'Agenzia delle entrate, l'ordinamento tributario italiano prevede, come lecite, tutte e due tali modalità di circolazione dell'azienda (sebbene uno dei due, quello diretto sia il più oneroso in termini fiscali), deve essere lasciata al contribuente la scelta fra le due opzioni. L'operazione è stata, pertanto, ritenuta lecita sotto il profilo dell'abuso del diritto.
Daniele Di Teodoro
Dottore commercialista
Revisore contabile[:]

Residenza fiscale a prova di contestazione

[:en]

Capita spesso di occuparci di fornire consulenze in materia di spostamento all'estero della residenza fiscale. In particolare, ci riferiamo alle persone fisiche.

I controlli dell'Agenzia delle entrate sulle fittizie residenze estere

Prendiamo spunto, per questo articolo, da un recente provvedimento con il quale l'Agenzia delle entrate ha programmato l'attività di controllo volta ad identificare quei soggetti che trasferiscono, fittiziamente, la propria residenzsa all'estero. Non v'è necessità di sottolineare come, tale argomento, intersechi l'altro, di strettissima attualità, relativo alla Voluntary disclosure 2 che, tra l'altro, non sembra stia dando i auspicati all'inizio in termini di adesioni e, dunque, di gettito.

I criteri per la residenza italiana

Per l'ordinamento tributario italiano, si considera residente in Italia chi, alternativamente, rispetta uno dei seguenti tre criteri:

  1. iscrizione nelle anagrafi comunali della popolazione residente;
  2. domicilio nel territorio dello Stato, laddove per domicilio si intende il luogo in cui la persona ha fissato il centro dei propri affari e dei propri interessi (vedi l'articolo 43 del Codice civile);
  3. residenza nel territorio dello Stato, laddove per residenza si intende il luogo in cui la persona dimora abitualmente (sempre articolo 43 del Codice civile).

I tre criteri sono, dunque, alternativi, nel senso che basta il veruificarsi anche solo uno di essi perchè si venga considerati residenti in Italia. Tuttavia, alla regola generale sopra esposta, l'articolo 2 del Tuir (Testo unico imposte sui redditi), fa una deroga: l'articolo stabilisce, infatti, che si considerano comunque residenti in Italia, salvo prova contraria, coloro che trasferiscono la propria residenza in paradisi fiscali.

L'ordinamento fiscale italiano prevede, altresì, per i soggetti residenti, il principio della world wide taxation, che vuol dire, niente altro che tutti i redditi del medesimo soggetto, ovunque prodotti, vengano tassati in Italia (il cittadino estero, invece, è tassato in Italia solo per i redditi ivi prodotti).

I soggetti non residenti, qualora producano redditi sul territorio italiano sono tenuti agli adempimenti dichiarativi dei medesimi redditi, tramite il Modello Redditi Persone Fisiche (l'ex modello Unico che da quest'anno, perde al suo interno il modulo della dichiarazione Iva).

La tassazione prevista per i non residenti

I redditi prodotti sul territorio italiano dai non residenti si dividono (così come per i residenti) i redditi di lavoro dipendente (compresi quelli assimilati), prestato nel territorio italiano; i redditi di lavoro autonomo derivanti da attività esercitate in Italia; il reddito d'impresa, prodotti in Italia per mezzo di stabili organizzazioni; i redditi diversi, purchè prodotti sul territorio italiano. Le imposte che gravano o, meglio, possono gravare su un non residente tassato in Italia sono l'Irpef, le addizionali (comunale e regionale) all'Irpef, le imposte sui trasferimenti di proprietà degli immobili e l'Imposta comunale sugli immobili.

Ricordiamo, inoltre che, se il non residente possiede immobili in Italia o, meglio, se entra in possesso di un immobile in Italia a segjuito di una successione, è tenuto a presentare la dichiarazione di successione.

Le contestazioni dell'Amministrazione finanziaria

Come già scritto in apertura dell'articolo, l'Agenzia delle entrate ha programmato, con un provvedimento dello scorso 3 marzo, l'attività di controllo relativamente ai trasferimenti fittizi di residenza all'estero. Ebbene, qualora, a seguito di quest'attività l'Amministrazione finanziaria ritenga accertato tale trasferimento fittizio, riprenderà, ovviamente, a tassazione, tutti i redditi prodotti dal soggetto sotto indagine, Ovunque essi siano stati prodotti, come già visto. Ma non solo. in questa ipotesi, l'Amministrazione finanziaria potrà contestare al contribuente l'omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, l'omessa presentazione del quadro RW (per eventuali attività detenute all'estero). Sarà contestabile anche la dichiarazione infedele, qualora il contribuente avrà si presentato la dichiarazione dei redditi in Italia per i redditi qui prodotti, omettendo, però, eventualmente, i redditi prodotti all'estero.

Limitatamente alla (mancata) compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi, l'Amministrazione potrà presumere la redditità dei beni non dichiarati, facendo perno sul tasso ufficiale di sconto vigente nel periodo d'imposta oggetto della contestazione. Tuttavia, la predetta presunzione di fruttuosità delle attività detenute all'estero, da un lato ammette la prova contraria da parte del contribuente, il quale può sempre dimostrare che essa è diversa rispetto alla presunzione; dall'altro, non opera se si specifica che i redditi verranno percepiti in un periodo d'imposta successivo o che si tratta di beni infruttiferi.

Le sanzioni collegate alle violazioni sul monitoraggio fiscale

Ricordiamo che agli obblighi di monitoraggio fiscale sono chiamati tutti i soggetti residenti che detengono attività all'estero. Pertanto la contestazione di residenza fittizia all'estero attrae all'obbligo di presentazione del quadro RW il "soggetto contestato". E, dunque, per l'omessa o infedele presentazione del quadro RW è prevista una sanzione amministrativa compresa fra il 3 e il 15% dell'ammontare di ogni singolo importo non dichiarato. Le sanzioni, però, sono raddoppiate se le violazioni riguardano beni detenuti in Paesi a regime fiscale privilegiato.

Inoltre esiste una presunzione legale relativa (per la quale, dunque, è ammessa prova contraria da parte del contribuente), secondo la quale le attività detenute in paesi a fiscalità privilegiata, per le quali è stato omesso l'obbligo sul monitoraggio fiscale (ossia la presentazione del quadro RW), sono state costituite mediante redditi sottratti a tassazione (leggasi evasione fiscale).

Ancora, è previsto il raddoppio delle sanzioni per il caso di omessa o infedele dichiarazione dei redditi che, presuntivamente, sono considerati sottratti a tassazione e il raddoppio degli ordinari termini per l'accertamento per le violazioni di natura reddituale e per quelle in materia di monitoraggio fiscale.

Daniele Di Teodoro
Dottore commercialista - Revisore contabile

[:it]

Capita spesso di occuparci di fornire consulenze in materia di spostamento all'estero della residenza fiscale. In particolare, ci riferiamo alle persone fisiche.

I controlli dell'Agenzia delle entrate sulle fittizie residenze estere

Prendiamo spunto, per questo articolo, da un recente provvedimento con il quale l'Agenzia delle entrate ha programmato l'attività di controllo volta ad identificare quei soggetti che trasferiscono, fittiziamente, la propria residenzsa all'estero. Non v'è necessità di sottolineare come, tale argomento, intersechi l'altro, di strettissima attualità, relativo alla Voluntary disclosure 2 che, tra l'altro, non sembra stia dando i auspicati all'inizio in termini di adesioni e, dunque, di gettito.

I criteri per la residenza italiana

Per l'ordinamento tributario italiano, si considera residente in Italia chi, alternativamente, rispetta uno dei seguenti tre criteri:

  1. iscrizione nelle anagrafi comunali della popolazione residente;
  2. domicilio nel territorio dello Stato, laddove per domicilio si intende il luogo in cui la persona ha fissato il centro dei propri affari e dei propri interessi (vedi l'articolo 43 del Codice civile);
  3. residenza nel territorio dello Stato, laddove per residenza si intende il luogo in cui la persona dimora abitualmente (sempre articolo 43 del Codice civile).

I tre criteri sono, dunque, alternativi, nel senso che basta il veruificarsi anche solo uno di essi perchè si venga considerati residenti in Italia. Tuttavia, alla regola generale sopra esposta, l'articolo 2 del Tuir (Testo unico imposte sui redditi), fa una deroga: l'articolo stabilisce, infatti, che si considerano comunque residenti in Italia, salvo prova contraria, coloro che trasferiscono la propria residenza in paradisi fiscali.

L'ordinamento fiscale italiano prevede, altresì, per i soggetti residenti, il principio della world wide taxation, che vuol dire, niente altro che tutti i redditi del medesimo soggetto, ovunque prodotti, vengano tassati in Italia (il cittadino estero, invece, è tassato in Italia solo per i redditi ivi prodotti).

I soggetti non residenti, qualora producano redditi sul territorio italiano sono tenuti agli adempimenti dichiarativi dei medesimi redditi, tramite il Modello Redditi Persone Fisiche (l'ex modello Unico che da quest'anno, perde al suo interno il modulo della dichiarazione Iva).

La tassazione prevista per i non residenti

I redditi prodotti sul territorio italiano dai non residenti si dividono (così come per i residenti) i redditi di lavoro dipendente (compresi quelli assimilati), prestato nel territorio italiano; i redditi di lavoro autonomo derivanti da attività esercitate in Italia; il reddito d'impresa, prodotti in Italia per mezzo di stabili organizzazioni; i redditi diversi, purchè prodotti sul territorio italiano. Le imposte che gravano o, meglio, possono gravare su un non residente tassato in Italia sono l'Irpef, le addizionali (comunale e regionale) all'Irpef, le imposte sui trasferimenti di proprietà degli immobili e l'Imposta comunale sugli immobili.

Ricordiamo, inoltre che, se il non residente possiede immobili in Italia o, meglio, se entra in possesso di un immobile in Italia a segjuito di una successione, è tenuto a presentare la dichiarazione di successione.

Le contestazioni dell'Amministrazione finanziaria

Come già scritto in apertura dell'articolo, l'Agenzia delle entrate ha programmato, con un provvedimento dello scorso 3 marzo, l'attività di controllo relativamente ai trasferimenti fittizi di residenza all'estero. Ebbene, qualora, a seguito di quest'attività l'Amministrazione finanziaria ritenga accertato tale trasferimento fittizio, riprenderà, ovviamente, a tassazione, tutti i redditi prodotti dal soggetto sotto indagine, Ovunque essi siano stati prodotti, come già visto. Ma non solo. in questa ipotesi, l'Amministrazione finanziaria potrà contestare al contribuente l'omessa presentazione della dichiarazione dei redditi, l'omessa presentazione del quadro RW (per eventuali attività detenute all'estero). Sarà contestabile anche la dichiarazione infedele, qualora il contribuente avrà si presentato la dichiarazione dei redditi in Italia per i redditi qui prodotti, omettendo, però, eventualmente, i redditi prodotti all'estero.

Limitatamente alla (mancata) compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi, l'Amministrazione potrà presumere la redditità dei beni non dichiarati, facendo perno sul tasso ufficiale di sconto vigente nel periodo d'imposta oggetto della contestazione. Tuttavia, la predetta presunzione di fruttuosità delle attività detenute all'estero, da un lato ammette la prova contraria da parte del contribuente, il quale può sempre dimostrare che essa è diversa rispetto alla presunzione; dall'altro, non opera se si specifica che i redditi verranno percepiti in un periodo d'imposta successivo o che si tratta di beni infruttiferi.

Le sanzioni collegate alle violazioni sul monitoraggio fiscale

Ricordiamo che agli obblighi di monitoraggio fiscale sono chiamati tutti i soggetti residenti che detengono attività all'estero. Pertanto la contestazione di residenza fittizia all'estero attrae all'obbligo di presentazione del quadro RW il "soggetto contestato". E, dunque, per l'omessa o infedele presentazione del quadro RW è prevista una sanzione amministrativa compresa fra il 3 e il 15% dell'ammontare di ogni singolo importo non dichiarato. Le sanzioni, però, sono raddoppiate se le violazioni riguardano beni detenuti in Paesi a regime fiscale privilegiato.

Inoltre esiste una presunzione legale relativa (per la quale, dunque, è ammessa prova contraria da parte del contribuente), secondo la quale le attività detenute in paesi a fiscalità privilegiata, per le quali è stato omesso l'obbligo sul monitoraggio fiscale (ossia la presentazione del quadro RW), sono state costituite mediante redditi sottratti a tassazione (leggasi evasione fiscale).

Ancora, è previsto il raddoppio delle sanzioni per il caso di omessa o infedele dichiarazione dei redditi che, presuntivamente, sono considerati sottratti a tassazione e il raddoppio degli ordinari termini per l'accertamento per le violazioni di natura reddituale e per quelle in materia di monitoraggio fiscale.

Daniele Di Teodoro
Dottore commercialista - Revisore contabile[:]