Pippo

Pippo pippo

What we Offer?

Sea summo mazim ex, ea errem eleifend definitionem vim. Ut nec hinc dolor possim mei ludus efficiendi ei sea summo mazim ex.

Easy to Use

Phasellus facilisis, nunc in lacinia auctor, eros lacus aliquet velit, quis lobortis risus nunc nec nisi maecans et turpis vitae velit.volutpat porttitor a sit amet est. In eu rutrum ante. Nullam id lorem fermentum, accumsan enim non auctor neque.

Multi-Purpose

Phasellus facilisis, nunc in lacinia auctor, eros lacus aliquet velit, quis lobortis risus nunc nec nisi maecans et turpis vitae velit.volutpat porttitor a sit amet est. In eu rutrum ante. Nullam id lorem fermentum, accumsan enim non auctor neque.

Responsive Design

Phasellus facilisis, nunc in lacinia auctor, eros lacus aliquet velit, quis lobortis risus nunc nec nisi maecans et turpis vitae velit.volutpat porttitor a sit amet est. In eu rutrum ante. Nullam id lorem fermentum, accumsan enim non auctor neque.

Our Portfolio

Sea summo mazim ex, ea errem eleifend definitionem vim. Ut nec hinc dolor possim mei ludus efficiendi ei sea summo mazim ex.

What People Say

Sea summo mazim ex, ea errem eleifend definitionem vim. Ut nec hinc dolor possim mei ludus efficiendi ei sea summo mazim ex.

img

Sed ut Perspiciatis Unde Omnis Iste Sed ut perspiciatis unde omnis iste natu error sit voluptatem accu tium neque fermentum veposu miten a tempor nise. Duis autem vel eum iriure dolor in hendrerit in vulputate velit consequat reprehender in voluptate velit esse cillum duis dolor fugiat nulla pariatur.

Alice Culan - UI Developer

Ultime notizie

Sea summo mazim ex, ea errem eleifend definitionem vim. Ut nec hinc dolor possim mei ludus efficiendi ei sea summo mazim ex.

La scissione senza abuso

Qualora l’ordinamento giuridico consenta, agli operatori, di scegliere fra diverse soluzioni operative, ciascuna con effetti (e carichi) fiscali diversi, la scelta dell’opzione meno onerosa, dal punto di vista fiscale non può essere considerata come elusiva. Questo è un orientamento, della giurisprudenza che va consolidandosi, soprattutto per contrastare un’attività di accertamento, sull’abuso del diritto, a volte un po’ troppo disinvolta da parte dell’Amministrazione finanziaria, tale da causare una pericolosa incertezza nell’applicazione delle norme a danno, in particolare, della (sana e sacrosanta) attività imprenditoriale.

L’elusione, (o abuso del diritto, se vogliamo seguire l’evoluzione terminologica e non solo, del legislatore), secondo la definizione che ne da l’articolo 10 dello statuto dei diritti del contribuente (Legge 212 del 2000), consiste in un comportamento che, pur nel rispetto formale dell’applicazione delle norme di legge vigenti, è volto ad ottenere indebiti benefici fiscali, ossia dei risparmi d’imposta contrari ai principi dell’attuale ordinamento tributario. Ebbene, secondo l’Agenzia delle entrate (Risoluzione 97 del luglio di quest’anno), se è lo stesso ordinamento ad offrire agli operatori economici, due o più alternative, con conseguenze diverse, in termini di carico tributario, la scelta dell’opzione meno onerosa non da luogo ad un comportamento elusivo e, pertanto, deve essere considerata del tutto legittima e, dunque, non contestabile, da parte dell’Amministrazione finanziaria.

A norma dell’articolo 10 della Legge 212/2000 (Statuto del dititti del contribuente) si ha abuso del diritto quando vengono poste in essere una o più operazioni prive di qualsiasi sostanza economica che, pur nel rispetto formale della normativa vigente, consentono al contribuente un vantaggio fiscale indebito, ossia contrario ai principi dell’ordinamento fiscale

Questa sembra una conclusione pacifica ma non sempre l’Agenzia delle entrate è stata di questo parere.

Il caso trattato con la risoluzione sopra indicata, riguardava una società operativa (che gestisce un poliambulatorio) per la quale i soci avevano deciso di procedere con una scissione proporzionale, in seguito alla quale, la società scissa manteneva l’azienda e ad essa, dunque, continuavano a fare capo le attività operative, mentre alla beneficiaria venivano attribuiti gli immobili, precedentemente posseduti dalla scissa. Tra l’altro, i soci della beneficiaria erano gli stesi soci della scissa e le loro quote di partecipazioni in quest’ultima riproducevano quelle nella scissa.

Successivamente, le quote nella scissa vengono cedute ad un soggetto, non interessato ad acquisire anche la proprietà degli immobili. Questi ultimi sono poi concessi in locazione al cessionario per lo svolgimento dell’attività d’impresa.

Una volta posta in essere l’operazione, infine, i soci della beneficiaria, prima della cessione delle partecipazioni, procedono con l’operazione di rideterminazione del valore fiscale delle stesse.

Ebbene, interrogata, attraverso un interpello, sulla liceità dell’operazione, l’Agenzia delle entrate, con la risoluzione prima citata ha fatto notare che un’azienda può circolare con la cessione diretta della stessa, oppure con una cessione indiretta, appunto trasferendo la titolarità delle partecipazioni nella società che gestisce l’azienda medesima. Poichè, nota l’Agenzia delle entrate, l’ordinamento tributario italiano prevede, come lecite, tutte e due tali modalità di circolazione dell’azienda (sebbene uno dei due, quello diretto sia il più oneroso in termini fiscali), deve essere lasciata al contribuente la scelta fra le due opzioni. L’operazione è stata, pertanto, ritenuta lecita sotto il profilo dell’abuso del diritto.

Redazione Blog – area operazioni straordinarie d’impresa

SE HAI QUESITI SULL’ARGOMENTO CONTATTACI

eyJpZCI6IjkiLCJsYWJlbCI6IkZvcm0xIiwiYWN0aXZlIjoiMSIsIm9yaWdpbmFsX2lkIjoiMiIsInVuaXF1ZV9pZCI6ImZvZTQyayIsInBhcmFtcyI6eyJ0cGwiOnsid2lkdGgiOiIxMDAiLCJ3aWR0aF9tZWFzdXJlIjoiJSIsImJnX3R5cGVfMCI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzAiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8wIjoiI2ZmZmZmZiIsImJnX3R5cGVfMSI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzEiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8xIjoiI2JmYmZiZiIsImJnX3R5cGVfMiI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzIiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8yIjoiIzAyNGZmZiIsImJnX3R5cGVfMyI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzMiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8zIjoiIzMzMzMzMyIsImZpZWxkX2Vycm9yX2ludmFsaWQiOiIiLCJmb3JtX3NlbnRfbXNnIjoiR3JhemllIHBlciBhdmVyY2kgY29udGF0dGF0byIsImZvcm1fc2VudF9tc2dfY29sb3IiOiIjNGFlOGVhIiwiaGlkZV9vbl9zdWJtaXQiOiIxIiwicmVkaXJlY3Rfb25fc3VibWl0IjoiaHR0cDpcL1wvd3d3LnRjZi1hZHZpc29yeS5jb20iLCJ0ZXN0X2VtYWlsIjoic3R1ZGlvZGl0ZW9kb3JvQGdtYWlsLmNvbSIsInNhdmVfY29udGFjdHMiOiIxIiwiZXhwX2RlbGltIjoiOyIsImZiX2NvbnZlcnRfYmFzZSI6IiIsInB1Yl9wb3N0X3R5cGUiOiJwb3N0IiwicHViX3Bvc3Rfc3RhdHVzIjoicHVibGlzaCIsInJlZ193cF9jcmVhdGVfdXNlcl9yb2xlIjoic3Vic2NyaWJlciIsImZpZWxkX3dyYXBwZXIiOiI8ZGl2IFtmaWVsZF9zaGVsbF9jbGFzc2VzXSBbZmllbGRfc2hlbGxfc3R5bGVzXT5bZmllbGRdPFwvZGl2PiJ9LCJmaWVsZHMiOlt7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJOb21lIiwiaHRtbCI6InRleHQiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiTm9tZSIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiNiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IiIsImRlZl9jaGVja2VkIjoiMCJ9LHsibGFiZWwiOiIiLCJwbGFjZWhvbGRlciI6IlNvY2lldFx1MDBlMCIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IlNvY2lldGEiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5IjoiIiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiRW1haWwiLCJodG1sIjoiZW1haWwiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiZW1haWwiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiT2dnZXR0byIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6Ik9nZ2V0dG8iLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifSx7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJUZXN0byBkZWwgbWVzc2FnZ2lvIiwiaHRtbCI6InRleHRhcmVhIiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIxIiwibmFtZSI6Ik1lc3NhZ2dpbyIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiMTIiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IkludmlhIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiIiLCJodG1sIjoic3VibWl0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IkludmlhIiwiYnNfY2xhc3NfaWQiOiIxMiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IjAiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifV0sIm9wdHNfYXR0cnMiOnsiYmdfbnVtYmVyIjoiNCJ9fSwiaW1nX3ByZXZpZXciOiJuZW9uLmpwZyIsInZpZXdzIjoiMTM5NzIiLCJ1bmlxdWVfdmlld3MiOiI3OTE1IiwiYWN0aW9ucyI6IjkiLCJzb3J0X29yZGVyIjoiMCIsImlzX3BybyI6IjAiLCJhYl9pZCI6IjAiLCJkYXRlX2NyZWF0ZWQiOiIyMDE2LTA1LTAzIDE1OjAxOjAzIiwiaW1nX3ByZXZpZXdfdXJsIjoiaHR0cDpcL1wvc3Vwc3lzdGljLTQyZDcua3hjZG4uY29tXC9fYXNzZXRzXC9mb3Jtc1wvaW1nXC9wcmV2aWV3XC9uZW9uLmpwZyIsInZpZXdfaWQiOiI5XzU1OTk1NCIsInZpZXdfaHRtbF9pZCI6ImNzcEZvcm1TaGVsbF85XzU1OTk1NCIsImNvbm5lY3RfaGFzaCI6ImIzYmNmMDkyNzdkNTVjNWEyZTA1YmRkYWQ5OTI5YmUxIn0=

Le tax expenditures in dichiarazione dei redditi – piccola panoramica, non esaustiva, delle altre spese

Concludiamo la serie di articoli dedicati alle detrazioni fiscali da far valere nella dichiarazionne dei redditi delle persone fisiche 2017.

Nel presente articolo ci soffermeremo su tulle le altre spese per le quali è possibile fruire delle detrazioni.

La detrazione della spesa per polizze assicurative prevede una serie di fattispecie che dipendono anche dal momento in cui il contratto assicurativo è stato stipulato o rinnovato

Iniziamo la carrellata con i premi assicurativi, per i quali occorre fare un distinguo fra i contratti stipulati o rinnovati entro il 31 dicembre 2000 e quelli per i quali il rinnovo o la stipula si sono avuti dal 1° gennaio 2001. Nel primo caso i premi, anche qualora siano versatio all’estero o a compagnie estere, sono detraibili purchè abbiano una durata non inferiore a 5 anni dalla data della stipula e diano la possibilità di ottenere la concessione di prestiti. In questo caso l’onere sostenuto è detraibile nella misura massima di 530 euro.

Le polizze stipulate o rinnovate dopo il 31 dicembre 2000

Per le polizze stipulate o rinnovate dopo il 31 dicembre 2000, i relativi premi sono detraibili se le stesse hanno ad oggetto il rischio di morte o di invalidità permanente non inferiore al 5%, qualsiasi sia la causa che l’ha determinata. Anche in questo caso il limite di spesa massimo detraibile è di 530 euro ed è prevista la detraibilità anche per i premi versati all’estero o a compagnie straniere (s’intende, purchè siano rispettati i requisiti qui richiamati. Il limite di spesa detraibile comprende anche gli importi riportati nella Certificazione Unica (indicati ai punti 341 e 352 della sezione Oneri detraibili), per i quali il datore di lavoro ha riconosciuto la detrazione in sede di ritenuta fistale.

Il caso delle polizze miste

Nel caso delle polizze miste che coprono sia il rischio malattia che quello infortuni, la detrazione è ammessa solo per la parte di premio che copre il rischio infortuni. Nel caso delle assicurazioni contro gli infortuni stipulatre nelle RC auto, è fiscalmente detraibile la parte di premio che copre, appunti, l’infortunio del conducente. A patto, però, che siano state stipulate (o rinnovate) entro il 31 dicembre 2000.

Le polizze a copertura del rischio di non autosufficienza

I premi assicurativi relativi alle polizze aventi ad oggetto il rischio di non autosufficienza nel compimento degli atti della vita quotidiana, al netto dei premi aventi ad oggetto il rischio di morte o invalidità permanente e dei premi per le assicurazioni finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave, sono detraibili nella misura massima di euro 1.291,40. Tale ultimo importo deve comprendere anche i premi indicati nella sezione Oneri detraibili della Certificazione Unica rilasciata dal datore di lavoro (ai punti da 341 a 352). In dichiarazione tale onere è indicato con il codice 39.

Le spese per istruzione nella dichiarazione dei redditi 2017…

Dall’imposta calcolata in dichiarazione dei redditi è possibile, altresì, detrarre le spese sostenute per la frequenza delle scuole dell’infanzia del primo ciclo e per la frequenza della scuola secondaria del sistema nazionale di istruzione. La spesa è detraibile nel limite massimo di euro 564,00 per ciascun alunno o studente.

La detrazione è riconosciuta sia nel caso in cui la spesa sia sostenuta per un familiare a carico, sia se è sostenuta dal contribuente medesimo.

…e per gli asili nido

Anche le spese sostenute per il pagamento delle rette relative alla frequenza degli asili nido da parte dei figli di età compresa tra i 3 mesi e i 3 anni. L’importo massimo detraibile è di euro 632 euro (considerando che la spesa è detraibile nella misura del 19%, la detrazione massima di cui il contribuente può beneficiare è di euro (632 x 19% =) 120,08.

Agevolate sia le rette per asili pubblici che per quelli privati

La detrazione compete per ogni che risulta fiscalmente a carico sia nel caso della frequenza di asili pubblici che privati. Qualora, inoltre, la spesa riguardi più di un bambino, vanno compilati tanti righi del quadro RP, da RP8 a RP13, indicando in ciascuno il codice 33. Va considerato, inoltre che non è possibile indicare in dichiarazione le spese sostenute nel 2016 che il datore di lavoro ha rimborsato nello stesso anno, in sostituzione delle retribuzioni premiali insidace nella sezione “Rimborsi di beni e servizi” della Certificazione Unica. Pertanto l’importo indicato nella dichiarazione dei redditi deve comprendere le somme indicate con il codice 33 nella sezione “Oneri detraibili” della Certificazione Unica (punti da 341 a 351).

Le badanti nella dichiarazione dei redditi…

Le persone non autosufficienti nel compimento degli atti della vita quotidiana, possono detrarre, dalle imposte calcolatre nella dichiarazione dei redditi, le spese sostenute per gli addetti all’assistenza personale (i badandi, appunto). La spesa massima detraibile è di euro 2.100,00 (nella misura del 19%), a condizione che il reddito del contribuente non superi i 40mila euro annui. Nel limite di reddito va considerato anche il reddito dei fabbricati assoggettati a cedolare secca e l’agevolazione ACE.

Il certificato medico per certificare la non autosufficienza

La non auto sufficienza deve risultare da apposita certificazione medica, inoltre il limite di spesa sopra indicato va riferito al singolo contribuente, indipendentemente dal numero di soggetti che usufruiscono dell’assistenza: ad esempio se un contribuente ha sostenuto la spesa per entrambi i genitori, il limite di 2.100,00 euro va ripartito fra i soggetti che hanno beneficiato, appunto, dell’assistenza.

Attenzione agli importi riportati nella CU 2017

Nell’importo vanno ricomprese anche le spese indicate nella Certificazione Unica 2017, ai punti 341 e 352. Tuttavia non possono essere detratte le spese sostenute nel corso del 2016 che, nello stesso anno sono state rimborsate dal datore di lavoro, in sostituzione delle retribuzioni premiali e indicate nella Certificazione Unica 2017, con il codice 15 ai punti da 701 a 706. In ogni caso la detrazione spetta sulla parte di spesa non rimborsata.

Le ricevute di spesa

Le spese devono risultare da idonea documentazione che può consistere anche in una ricevuta firmata dall’addetto all’assistenza. La detrazione non spetta, inoltre, per i lavoratori domestici (c.d. colf) per i quali è previsto un inquadramento contrattuale diverso da quello previsto per gli addetti all’assistenza personale. Per i collaboratori familiari c’è, comunque, la possibilità di detrarre le spese sostenute per i contributi previdenziali, entro dati limiti previsti da tabelle Inps elaborate di anno in anno.

…e le colf

Come accennato appena sopra, dalla dichiarazione dei redditi è possibile portare in detrazione i contributi previdenziali versati per gli addetti ai servizi domestici e al’assistenza personale o familiare (colf, baby sitter, assistenti alle persone anziane). A tale irguardo è possibile detrarre, sino ad un limite di spesa massimo di euro di 1.549,37 euro, solo la parte dio contributi a carico del datore di lavoro.

Nel caso di utilizzo dei voucher

I contributi previdenziali versati tramite i voucher (in questo periodo sotto i riflettori…o il tiro incrociato delle varie fazioni che si fronteggiano sul campo di battaglia voucher si/voucher no) per gli addetti ai servizi domestici potranno essere dedotti dal reddito complessivo per la quota rimasta a carico del datore di lavoro per un importo non superiore a 1.549,37 euro.

Restiamo in tema di contributi previdenziali

I contributi previdenziali e assistenziali versati per proprio conto o per conto di familiari fiscalmente a carico in ottemperanza a disposizioni di Legge e quelli volontari versati alla gestione della forma pensionistica obbligatoria di appartenenza possono essere dedotti dal reddito.

Alcune tipologie di contributi

Fra questi contributi rientrano anche, ad esempio, i contributi versati all’assicurazione obbligatoria Inail riservata alle persone del nucleo familiare per la tutela contro gli infortuni domestici (l’assicurazione casalinghe).. Oppure rientrano fra i contributi deducibili dal reddito, nella dichiarazione annuale, anche quelli versati facoltativamente alla gestione pensionistica obbligatoria di appartenenza, compresi quelli per la ricongiunzione dei periodi assicurativi, come il riscatto della laurea.

Le locazioni degli studenti universitari

Fra le detrazioni fiscali ve ne sono diverse volte ad agevolare gli studenti universitari (o, più spesso, le famiglie che si fanno carico delle spese che li riguardano).

Fra queste vi sono quelle relative ai canoni di locazione per gli immobili occupati. In particolare, se lo studente è iscritto ad un corso di laurea presso un’università situata in un comune diverso da quello di residenza, sono detraibili i canoni di locazione relativi ai contratti stipulati o rinnovati ai sensi della Legge 431/1998. La detrazione spetta nella misura del 19% calcolata su una spesa che, comunque non può essere superiore a 2.633,00 euro.

Alcune fattispecie particolari

La detrazione spetta anche per i canoni relativi ai contratti di ospitalità e agli atti di assegnazione in godimento o locazione, stipulati con enti per il diritto allo studio, università, collegi universitari legalmente riconosciuti, enti senza fine di lucro e cooperative.

Il criterio della distanza

La detrazione spetta se l’Università è ubicata in un comune distante almeno 100 chilometri dal comune di residenza e, in ogni caso, in una provincia diversa o nel Territorio di uno Stato membro dell’Unione europea o in uno degli stati aderenti all’Accordo sullo Spazio economico europeo, con i quali è possibile lo scambio di informazioni.

Alcune situazioni particolari

La detrazione spetta anche se le spese sono state sostenute per familiari fiscalmente a carico; in tal caso, se i genitori hanno a carico due figli iscritti ad un’università, entrambi titolari di un contratto di locazione, ciascun genitore avrà la possibilità di detrarre, dalla propria dichiarazione dei redditi, il 19% sull’importo massimo di 2.633,00 euro.

La detrazione spetta nel limite dei canoni effettivamente pagati (entro il limite sopra specificato, ovviamente).

Le spese per gli amici a quattro zampe

Le spese sostenute dal veterinario per la cura di animali legalmente detenuti a scopo di compagnia o per pratica sportiva, sono detraibili, sempre nella misura del 19%, nel limite massimo di euro 387,34 euro. Anche in questo caso, come per le spese mediche, è prevista la franchigia nella misura di euro 129,11: ossia, se la spesa sostenuta è, al massimo, pari a tale ultimo importo, non è possibile portare in detrazione nulla, se la spesa è superiore, sino all’importo massimo di euro 387,34, sarà possibile portare in detrazione la differenza fra la spesa effettivamente sostenuta e la franchigia.

E per ulteriori delucidazioni…

Bene, abbiamo terminato l’excursus delle detrazioni/deduzioni fiscali, ben consapevoli di non aver dato il quadro completo previsto dalla vigente normativa. Ovviamente, una simile finalità, oltre a non essere nelle nostre intenzioni, avrebbe richiesto uno spazio eccessivo e non avrebbe mai potuto essere esaustivo stante le numerose casistiche che possono verificarsi e che possiamo constatare nella pratica professionale quotidiana.

Pertanto, se avete quesiti particolari sull’argomento, non esitate a contattarci utilizzando il modulo che segue:

eyJpZCI6IjkiLCJsYWJlbCI6IkZvcm0xIiwiYWN0aXZlIjoiMSIsIm9yaWdpbmFsX2lkIjoiMiIsInVuaXF1ZV9pZCI6ImZvZTQyayIsInBhcmFtcyI6eyJ0cGwiOnsid2lkdGgiOiIxMDAiLCJ3aWR0aF9tZWFzdXJlIjoiJSIsImJnX3R5cGVfMCI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzAiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8wIjoiI2ZmZmZmZiIsImJnX3R5cGVfMSI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzEiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8xIjoiI2JmYmZiZiIsImJnX3R5cGVfMiI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzIiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8yIjoiIzAyNGZmZiIsImJnX3R5cGVfMyI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzMiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8zIjoiIzMzMzMzMyIsImZpZWxkX2Vycm9yX2ludmFsaWQiOiIiLCJmb3JtX3NlbnRfbXNnIjoiR3JhemllIHBlciBhdmVyY2kgY29udGF0dGF0byIsImZvcm1fc2VudF9tc2dfY29sb3IiOiIjNGFlOGVhIiwiaGlkZV9vbl9zdWJtaXQiOiIxIiwicmVkaXJlY3Rfb25fc3VibWl0IjoiaHR0cDpcL1wvd3d3LnRjZi1hZHZpc29yeS5jb20iLCJ0ZXN0X2VtYWlsIjoic3R1ZGlvZGl0ZW9kb3JvQGdtYWlsLmNvbSIsInNhdmVfY29udGFjdHMiOiIxIiwiZXhwX2RlbGltIjoiOyIsImZiX2NvbnZlcnRfYmFzZSI6IiIsInB1Yl9wb3N0X3R5cGUiOiJwb3N0IiwicHViX3Bvc3Rfc3RhdHVzIjoicHVibGlzaCIsInJlZ193cF9jcmVhdGVfdXNlcl9yb2xlIjoic3Vic2NyaWJlciIsImZpZWxkX3dyYXBwZXIiOiI8ZGl2IFtmaWVsZF9zaGVsbF9jbGFzc2VzXSBbZmllbGRfc2hlbGxfc3R5bGVzXT5bZmllbGRdPFwvZGl2PiJ9LCJmaWVsZHMiOlt7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJOb21lIiwiaHRtbCI6InRleHQiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiTm9tZSIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiNiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IiIsImRlZl9jaGVja2VkIjoiMCJ9LHsibGFiZWwiOiIiLCJwbGFjZWhvbGRlciI6IlNvY2lldFx1MDBlMCIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IlNvY2lldGEiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5IjoiIiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiRW1haWwiLCJodG1sIjoiZW1haWwiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiZW1haWwiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiT2dnZXR0byIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6Ik9nZ2V0dG8iLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifSx7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJUZXN0byBkZWwgbWVzc2FnZ2lvIiwiaHRtbCI6InRleHRhcmVhIiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIxIiwibmFtZSI6Ik1lc3NhZ2dpbyIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiMTIiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IkludmlhIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiIiLCJodG1sIjoic3VibWl0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IkludmlhIiwiYnNfY2xhc3NfaWQiOiIxMiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IjAiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifV0sIm9wdHNfYXR0cnMiOnsiYmdfbnVtYmVyIjoiNCJ9fSwiaW1nX3ByZXZpZXciOiJuZW9uLmpwZyIsInZpZXdzIjoiMTM5NzIiLCJ1bmlxdWVfdmlld3MiOiI3OTE1IiwiYWN0aW9ucyI6IjkiLCJzb3J0X29yZGVyIjoiMCIsImlzX3BybyI6IjAiLCJhYl9pZCI6IjAiLCJkYXRlX2NyZWF0ZWQiOiIyMDE2LTA1LTAzIDE1OjAxOjAzIiwiaW1nX3ByZXZpZXdfdXJsIjoiaHR0cDpcL1wvc3Vwc3lzdGljLTQyZDcua3hjZG4uY29tXC9fYXNzZXRzXC9mb3Jtc1wvaW1nXC9wcmV2aWV3XC9uZW9uLmpwZyIsInZpZXdfaWQiOiI5Xzc3MzMyOSIsInZpZXdfaHRtbF9pZCI6ImNzcEZvcm1TaGVsbF85Xzc3MzMyOSIsImNvbm5lY3RfaGFzaCI6ImIzYmNmMDkyNzdkNTVjNWEyZTA1YmRkYWQ5OTI5YmUxIn0=
eyJpZCI6IjkiLCJsYWJlbCI6IkZvcm0xIiwiYWN0aXZlIjoiMSIsIm9yaWdpbmFsX2lkIjoiMiIsInVuaXF1ZV9pZCI6ImZvZTQyayIsInBhcmFtcyI6eyJ0cGwiOnsid2lkdGgiOiIxMDAiLCJ3aWR0aF9tZWFzdXJlIjoiJSIsImJnX3R5cGVfMCI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzAiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8wIjoiI2ZmZmZmZiIsImJnX3R5cGVfMSI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzEiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8xIjoiI2JmYmZiZiIsImJnX3R5cGVfMiI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzIiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8yIjoiIzAyNGZmZiIsImJnX3R5cGVfMyI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzMiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8zIjoiIzMzMzMzMyIsImZpZWxkX2Vycm9yX2ludmFsaWQiOiIiLCJmb3JtX3NlbnRfbXNnIjoiR3JhemllIHBlciBhdmVyY2kgY29udGF0dGF0byIsImZvcm1fc2VudF9tc2dfY29sb3IiOiIjNGFlOGVhIiwiaGlkZV9vbl9zdWJtaXQiOiIxIiwicmVkaXJlY3Rfb25fc3VibWl0IjoiaHR0cDpcL1wvd3d3LnRjZi1hZHZpc29yeS5jb20iLCJ0ZXN0X2VtYWlsIjoic3R1ZGlvZGl0ZW9kb3JvQGdtYWlsLmNvbSIsInNhdmVfY29udGFjdHMiOiIxIiwiZXhwX2RlbGltIjoiOyIsImZiX2NvbnZlcnRfYmFzZSI6IiIsInB1Yl9wb3N0X3R5cGUiOiJwb3N0IiwicHViX3Bvc3Rfc3RhdHVzIjoicHVibGlzaCIsInJlZ193cF9jcmVhdGVfdXNlcl9yb2xlIjoic3Vic2NyaWJlciIsImZpZWxkX3dyYXBwZXIiOiI8ZGl2IFtmaWVsZF9zaGVsbF9jbGFzc2VzXSBbZmllbGRfc2hlbGxfc3R5bGVzXT5bZmllbGRdPFwvZGl2PiJ9LCJmaWVsZHMiOlt7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJOb21lIiwiaHRtbCI6InRleHQiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiTm9tZSIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiNiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IiIsImRlZl9jaGVja2VkIjoiMCJ9LHsibGFiZWwiOiIiLCJwbGFjZWhvbGRlciI6IlNvY2lldFx1MDBlMCIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IlNvY2lldGEiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5IjoiIiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiRW1haWwiLCJodG1sIjoiZW1haWwiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiZW1haWwiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiT2dnZXR0byIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6Ik9nZ2V0dG8iLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifSx7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJUZXN0byBkZWwgbWVzc2FnZ2lvIiwiaHRtbCI6InRleHRhcmVhIiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIxIiwibmFtZSI6Ik1lc3NhZ2dpbyIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiMTIiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IkludmlhIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiIiLCJodG1sIjoic3VibWl0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IkludmlhIiwiYnNfY2xhc3NfaWQiOiIxMiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IjAiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifV0sIm9wdHNfYXR0cnMiOnsiYmdfbnVtYmVyIjoiNCJ9fSwiaW1nX3ByZXZpZXciOiJuZW9uLmpwZyIsInZpZXdzIjoiMTM5NzIiLCJ1bmlxdWVfdmlld3MiOiI3OTE1IiwiYWN0aW9ucyI6IjkiLCJzb3J0X29yZGVyIjoiMCIsImlzX3BybyI6IjAiLCJhYl9pZCI6IjAiLCJkYXRlX2NyZWF0ZWQiOiIyMDE2LTA1LTAzIDE1OjAxOjAzIiwiaW1nX3ByZXZpZXdfdXJsIjoiaHR0cDpcL1wvc3Vwc3lzdGljLTQyZDcua3hjZG4uY29tXC9fYXNzZXRzXC9mb3Jtc1wvaW1nXC9wcmV2aWV3XC9uZW9uLmpwZyIsInZpZXdfaWQiOiI5XzM0NTY0NSIsInZpZXdfaHRtbF9pZCI6ImNzcEZvcm1TaGVsbF85XzM0NTY0NSIsImNvbm5lY3RfaGFzaCI6ImIzYmNmMDkyNzdkNTVjNWEyZTA1YmRkYWQ5OTI5YmUxIn0=

Redazione Blog

Le tax expenditures in dichiarazione dei redditi – le altre spese per la casa

Proseguiamo con l’excursus delle detrazioni fiscali da far valere in dichiarazione dei redditi.

Sono anni oramai che abbiamo imparato a familiarizzare con le detrazioni fiscali riconosciute alle spese sostenute per la ristrutturazione e il risparmio energetico degli edifici. Agevolazioni inizialmente introdotte in via temporanea e prorogate di anno in anno e, successivamente rese stabili (alcune di esse).

Con il presente articolo intendiamo solo rinfrescare un po’ di regole al riguardo, essendo, oramai, la materia, diventata di estrema familiarità per il contribuente italiano (nonostante le frequenti variazioni sul tema introdotte dal legislatore e la stratificazione di regole diverse, nel corso degli anni).

Le spese per il recupero del patrimonio edilizio, fra conferme e provvedimenti temporanei

Le spese legate agli interventi per il recupero del patrimonio edilizio sono, in particolare, quelle relative agli interventi di manutenzione straordinaria sulle singole unità immobiliari (qualsiasi sia la loro categoria catastale) e relative pertinenze.

Sono detraibili, inoltre, le spese inerenti gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria su parti comuni degli edifici residenziali. Ancora, sono detraibili le spese relative al restauro e al risanamento conservativo degli edifici, alla ristrutturazione edilizia e all’acquisto/assegnazione di immobili facenti parte di edifici ristrutturati, se l’acquisto o la ristrutturazione sono avvenute entro determinate date.

La misura della detrazione fiscale è pari al 50% se le spese sono state sostenute fra la data del 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2016. Se la spesa è stata sostenuta, invece, al di fuori di tale intervallo di date, la detrazione è minore ed è pari al 36%.

La detrazione può essere fruita in 10 rate annuali di pari importo, tuttavia, coloro che avendone diritto, negli anni passati l’avevano ripartita in 5 o 3 rate, possono continuare ad applicare tale rateizzazione.

Un tetto di spesa a geometria variabile

Il tetto di spesa ammesso al beneficio è di 48mila euro se la spesa è stata sostenuta dal 2005 al 25 giugno 2012. Se la spesa è stata, invece sostenuta nel periodo 26 giugno 2012 3 dicembre 2016, il tetto di spesa per il quale si può beneficiare della detrazione è elevato a 96mila euro.

Tale limite di spesa va riferito alla singola unità immobiliare sulla quale i lavoro sono stati eseguiti, di conseguenza, se in riferimento al medesimo immobile vi sono più soggetti che hanno diritto alla detrazione (vedi ad esempio i comproprietari), il tetto di spesa va diviso fra di essi.

Inoltre, sempre in riferimento al tetto di spesa che può fruire della detrazione, nel caso di lavori iniziati in anni precedenti, al fine della determinazione del tetto, occorre sommare le spese sostenute nei vari anni.

Quando l’immobile passa di mano che ne è delle detrazioni in corso di fruizione?

Se l’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti i lavori viene venduta o donata, quando ancora si sta godendo della detrazione per le rate residue, salvo diverso accordo fra le parti, le quote di detrazione residua, si trasferiscono insieme all’immobile. Dunque, attenzione, nel caso in cui vogliate vendere l’immobile e sullo stesso state ancora fruendo della detrazione delle rate di spesa residue, e volete continuare a fruirne, dovete far risultare, dall’atot di vendita, la vostra intenzione di non trasferire, insieme all’immobile, anche il beneficio fiscale.

Sempre in materia di trasferimento dell’immobile sul quale sono stati fatti gli interventi agevolati ma, questa volta, per causa di morte, il diritto alla detrazione si trasmette a quello, degli eredi, che mantiene la detenzione materiale e diretta del bene.

Se le spese vengono sostenute dall’inquilino o dal comodatario, quest’ultimo conserva il diritto di continuare a beneficiare delle detrazioni anche dopo il termine del contratto di affitto o di comodato.

Come già anticipato sopra, la percentuale di detrazione del 50% è stata confermata, dalla Legge di bilancio per il 2017, per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2017. A partire dal 1° gennaio 2018, la detrazione resta ma torna al precedente limite del 36%. Parimenti, con lo stesso provvedimento è stato prorogato il tetto di spesa di 96mila euro per unità immobiliare e, parimenti, il tetto, dal 1° gennaio 2018, verrà nuovamente portato a 48mila euro (sempre per unità immobiliare.

Le spese per mettere gli edifici in sicurezza rispetto al rischio sismico

Le spese sostenute in relazione agli edifici, sono agevolate con la detrazione fiscale anche se sostenute in riferimento ad interventi effettuati per mettere, lo stesso edificio in sicurezza rispetto al rischio sismico. In questo caso, sono agevolate le spese sostenute dal 4 agosto 2013 al 31 dicembre 2016 per le quali le misure autorizzatorie sono state attivate dopo il 4 agosto 2013, su eduifici ricadenti in zone sismiche ad alta pericolosità. La spesa, inoltre, deve essere riferita ad immobili adibiti ad abitazione principale dove, contribuente e/o suoi familiari dimorino abitualmente o ad attività produttive.

La detrazione che, in tale ipotesi spetta, è nella misura del 65% fino ad un ammontare complessivo di spesa di 96mila euro.

Le spese per il risparmio energetico

Con la Legge di bilancio 2017, fra le altre è stata anche prorogata la possibilità di detrarre fiscalmente, le spese sostenute in relazione ad interventi finalizzati al risparmio energetico degli immobili. Con tale provvedimento, inoltre, la detrazione è estesa agli interventi relativi alla posa in opera di schermature solari (fino ad un limite di spesa di 60mila euro) e all’acquisto di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili (fino ad un limite di spesa di 30mila euro).

Più in particolare, gli interventi agevolabili sono: 1) la riqualificazione energetica di edifici esistenti; 2) gli interventi sull’involucro di edifici esistenti; 3) l’installazione di pannelli solari; 4) la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale.

In ogni caso la detrazione va ripartita in 10 rate annuali di pari importo, entro il limite massimo previsto per ogni tipologia di intervento effettuato.

La detrazione per l’acquisto di mobili destinati all’arredo degli edifici ristrutturati

La Legge di bilancio 2017 ha, inoltre, prorogato l’agevolazione fiscale relativa alle detrazioni per acquisto dei mobili e dei grandi elettrodomestici da destinare all’arredo di immobili oggetto di ristrutturazione edilizia. In questo caso, la detrazione spetta nel limite del 50% della spesa sostenuta (spesa che non deve eccedere i 10mila euro) e gli elettrodomestici devono essere di classe almeno A+. In questo caso le spese sono detraibili se sostenute dal periodo 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2017. Tuttavia, per le spese sostenute nel 2017, la detrazione è consentita solo se l’intervento di ristrutturazione è iniziato a partire dal 1° gennaio 2016.

Il limite di spesa dei 10mila euro va riferito all’unità immobiliare, comprensiva delle pertinenze o alla parte comune dell’edificio oggetto di intervento di ristrutturazione, indipendentemente da quello che è il numero di contribuenti che partecipano alla spesa. Ossia, se il numero delle persone è superiore ad uno, la spesa sostenuta (o il limite massimo di spesa ammissibile alla detrazione, qualora la spesa sostenuta sia superiore a 10mila euro), va ripartita per il numero di persone e, al numero così ottenuto si applica la percentuale del 50%. Come per le spese di ristrutturazione edilizia, anche in questo caso la detrazione va fruita in 10 quote annuali di pari importo.

I mobili acquistati dalle giovani coppie per l’arredo del loro nido

Sempre riferito all’aquisto di mobili, il legislatore ha disposto che le giovani coppie che costituiscono un nucleo familiare da almeno tre anni, composto da coniugi (coppie civilmente sposate) o conviventi more uxorio, in cui almeno uno dei componenti non ha superato il 35-esimo anno di età e che acquistano un’unità immobiliare da adibire ad abitazione principale, ricorrendo tutte le condizioni previste dalla Legge, hanno diritto a detrarre fiscalmente il 50% delle spese sostenute per l’acquisto di mobili nuovi destinati all’arredo dell’immobile stesso.

Per le spese sostenute nel 2016 la detrazione è calcolata su un ammontare di spesa massima di euro 16mila. Si è detto, più sopra, che la condizione di formazione del nucleo familiare, sia per le coppie sposate che per quelle conviventi more uxorio, deve durare da almeno tre anni. Per queste uiltime, la condizione deve essere attestata dall’iscrizione dei componenti dello stesso nello stato di famiglia o mediante autocertificazione rilasciata ai sensi del DpR 28 dicembre 2000, numero 445.

Redazione Blog

SE HAI DOMANDE SULL’ARGOMENTO SCRIVICI

eyJpZCI6IjkiLCJsYWJlbCI6IkZvcm0xIiwiYWN0aXZlIjoiMSIsIm9yaWdpbmFsX2lkIjoiMiIsInVuaXF1ZV9pZCI6ImZvZTQyayIsInBhcmFtcyI6eyJ0cGwiOnsid2lkdGgiOiIxMDAiLCJ3aWR0aF9tZWFzdXJlIjoiJSIsImJnX3R5cGVfMCI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzAiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8wIjoiI2ZmZmZmZiIsImJnX3R5cGVfMSI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzEiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8xIjoiI2JmYmZiZiIsImJnX3R5cGVfMiI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzIiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8yIjoiIzAyNGZmZiIsImJnX3R5cGVfMyI6ImNvbG9yIiwiYmdfaW1nXzMiOiIiLCJiZ19jb2xvcl8zIjoiIzMzMzMzMyIsImZpZWxkX2Vycm9yX2ludmFsaWQiOiIiLCJmb3JtX3NlbnRfbXNnIjoiR3JhemllIHBlciBhdmVyY2kgY29udGF0dGF0byIsImZvcm1fc2VudF9tc2dfY29sb3IiOiIjNGFlOGVhIiwiaGlkZV9vbl9zdWJtaXQiOiIxIiwicmVkaXJlY3Rfb25fc3VibWl0IjoiaHR0cDpcL1wvd3d3LnRjZi1hZHZpc29yeS5jb20iLCJ0ZXN0X2VtYWlsIjoic3R1ZGlvZGl0ZW9kb3JvQGdtYWlsLmNvbSIsInNhdmVfY29udGFjdHMiOiIxIiwiZXhwX2RlbGltIjoiOyIsImZiX2NvbnZlcnRfYmFzZSI6IiIsInB1Yl9wb3N0X3R5cGUiOiJwb3N0IiwicHViX3Bvc3Rfc3RhdHVzIjoicHVibGlzaCIsInJlZ193cF9jcmVhdGVfdXNlcl9yb2xlIjoic3Vic2NyaWJlciIsImZpZWxkX3dyYXBwZXIiOiI8ZGl2IFtmaWVsZF9zaGVsbF9jbGFzc2VzXSBbZmllbGRfc2hlbGxfc3R5bGVzXT5bZmllbGRdPFwvZGl2PiJ9LCJmaWVsZHMiOlt7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJOb21lIiwiaHRtbCI6InRleHQiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiTm9tZSIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiNiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IiIsImRlZl9jaGVja2VkIjoiMCJ9LHsibGFiZWwiOiIiLCJwbGFjZWhvbGRlciI6IlNvY2lldFx1MDBlMCIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IlNvY2lldGEiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5IjoiIiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiRW1haWwiLCJodG1sIjoiZW1haWwiLCJ2YWx1ZSI6IiIsIm1hbmRhdG9yeSI6IjEiLCJuYW1lIjoiZW1haWwiLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IiIsInBsYWNlaG9sZGVyIjoiT2dnZXR0byIsImh0bWwiOiJ0ZXh0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6Ik9nZ2V0dG8iLCJic19jbGFzc19pZCI6IjYiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifSx7ImxhYmVsIjoiIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiJUZXN0byBkZWwgbWVzc2FnZ2lvIiwiaHRtbCI6InRleHRhcmVhIiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIxIiwibmFtZSI6Ik1lc3NhZ2dpbyIsImJzX2NsYXNzX2lkIjoiMTIiLCJkaXNwbGF5Ijoicm93IiwibWluX3NpemUiOiIiLCJtYXhfc2l6ZSI6IiIsImFkZF9jbGFzc2VzIjoiIiwiYWRkX3N0eWxlcyI6IiIsImFkZF9hdHRyIjoiIiwidm5fb25seV9udW1iZXIiOiIwIiwidm5fb25seV9sZXR0ZXJzIjoiMCIsInZuX3BhdHRlcm4iOiIwIiwiZGVmX2NoZWNrZWQiOiIwIn0seyJsYWJlbCI6IkludmlhIiwicGxhY2Vob2xkZXIiOiIiLCJodG1sIjoic3VibWl0IiwidmFsdWUiOiIiLCJtYW5kYXRvcnkiOiIwIiwibmFtZSI6IkludmlhIiwiYnNfY2xhc3NfaWQiOiIxMiIsImRpc3BsYXkiOiIiLCJtaW5fc2l6ZSI6IiIsIm1heF9zaXplIjoiIiwiYWRkX2NsYXNzZXMiOiIiLCJhZGRfc3R5bGVzIjoiIiwiYWRkX2F0dHIiOiIiLCJ2bl9vbmx5X251bWJlciI6IjAiLCJ2bl9vbmx5X2xldHRlcnMiOiIwIiwidm5fcGF0dGVybiI6IjAiLCJkZWZfY2hlY2tlZCI6IjAifV0sIm9wdHNfYXR0cnMiOnsiYmdfbnVtYmVyIjoiNCJ9fSwiaW1nX3ByZXZpZXciOiJuZW9uLmpwZyIsInZpZXdzIjoiMTM5NzIiLCJ1bmlxdWVfdmlld3MiOiI3OTE1IiwiYWN0aW9ucyI6IjkiLCJzb3J0X29yZGVyIjoiMCIsImlzX3BybyI6IjAiLCJhYl9pZCI6IjAiLCJkYXRlX2NyZWF0ZWQiOiIyMDE2LTA1LTAzIDE1OjAxOjAzIiwiaW1nX3ByZXZpZXdfdXJsIjoiaHR0cDpcL1wvc3Vwc3lzdGljLTQyZDcua3hjZG4uY29tXC9fYXNzZXRzXC9mb3Jtc1wvaW1nXC9wcmV2aWV3XC9uZW9uLmpwZyIsInZpZXdfaWQiOiI5Xzc4NjYxNCIsInZpZXdfaHRtbF9pZCI6ImNzcEZvcm1TaGVsbF85Xzc4NjYxNCIsImNvbm5lY3RfaGFzaCI6ImIzYmNmMDkyNzdkNTVjNWEyZTA1YmRkYWQ5OTI5YmUxIn0=